Decreto crescita: Fattura elettronica obbligatoria verso San Marino

Decreto crescita: Fattura elettronica obbligatoria verso San Marino

Con l’approvazione del Decreto Crescita sono davvero tante le novità a cui bisogna prestare attenzione. Tra queste vi è l’obbligo di fatturazione elettronica in caso di relazioni commerciali con San Marino. Entriamo quindi nei dettagli e scopriamo assieme quando vige questo obbligo e chi invece può ancora continuare a fare la fattura cartacea.

San Marino e la fattura elettronica

Come ben saprete a partire dal giorno 1 gennaio 2019 in Italia vi è l’obbligo di utilizzare la fattura elettronica. Ovviamente vi sono delle eccezioni e tra queste vi rientra San Marino. Al momento, infatti, nel caso di scambi con San Marino si provvede all’emissione della fattura in formato cartaceo in quattro esemplari così come previsto dal dm 24 dicembre 1993.

Con il Decreto Crescita, però, sono in arrivo delle novità. In particolare vi interesserà sapere che a breve bisognerà procedere anche in questo caso con la fatturazione elettronica. A tal proposito è bene sottolineare che prima di entrare in vigore è necessario che vi sia una revisione degli accordi fiscali tra la nostra nazione e San Marino, oltre ovviamente ad un provvedimento ad hoc che dovrà essere attuato dall’Agenzia delle Entrate.

Chi non è obbligato

In attesa di sapere quando entrerà in vigore l’obbligo di fatturazione elettronica verso San Marino, vi interesserà sapere che anche in questo caso vi sono delle esclusioni.

Tra queste si annoverano:

  • coloro che si avvalgono del “regime di vantaggio” o regime forfettario;
  • coloro che hanno esercitato l’opzione di cui agli articoli l e 2 della L. n. 398 del 1991 e che abbiano conseguito proventi derivanti dalla propria attività commerciale inferiori a 65 mila euro, per il 2019 i soggetti tenuti all’invio dei dati al sistema tessera sanitaria.

Una volta visto chi sarà obbligato e chi no alla fatturazione elettronica nei confronti di San Marino, non ci resta che attendere ulteriori delucidazioni in merito. Misura nata per cercare di agevolare e consolidare il commercio tra i due stati, infatti, si presenta come uno strumento che aiuterà anche ad assolvere più facilmente ai propri doveri fiscali.