Fatturazione elettronica: soggetti obbligati ed esclusi

Fatturazione elettronica: soggetti obbligati ed esclusi

Una delle più grandi novità del 2019 è stata l’introduzione della fatturazione elettronica che coinvolge un gran numero di soggetti.  Ma quali sono i soggetti obbligati e quali gli esclusi? Entriamo nei dettagli e scopriamolo assieme!

Soggetti obbligati alla fatturazione elettronica

Partiamo dai soggetti obbligati alla fatturazione elettronica. Ebbene dovete sapere che in base alla normativa vigente, sono obbligati all’emissione della fattura elettronica tutti i soggetti passivi IVA, professionisti ed imprese.

Quest’obbligo vige anche in caso di emissione a privati non titolari di partita IVA, purchè residenti in Italia o comunque stabiliti nel nostro Paese. Sono infatti escluse da tale obbligo  le operazioni inerenti la cessione di beni e prestazioni di servizi che sono effettuate o ricevute da soggetti non residenti o non stabiliti in Italia.

Nel caso in cui i soggetti obbligati non rispettino l’obbligo di emissione della fattura elettronica, devono fare i conti con le relative sanzioni. In particolare, in base all’articolo 6 del D.Lgs n. 471/1997, è previsto un pagamento variabile che oscilla dal 90% al 180% dell’imposta inerente l’imponibile non documentato.

Soggetti esclusi dall’obbligo della fattura elettronica

Dopo aver visto i soggetti obbligati alla fatturazione elettronica, vediamo quali sono invece le categorie escluse.

In base alla normativa vigente non sono soggetti a tale obbligo i contribuenti minimi che aderiscono al regime di vantaggio ai sensi dell’articolo 27, commi 1 e 2 del Decreto Legge n.98/2011, , i contribuenti aderenti al regime forfettario ai sensi dell’articolo 1, commi 54-89 della Legge n.190/2014 , ma anche medici e farmacisti.

Per quanto riguarda i soggetti che emettono solo scontrini e ricevute, invece, a partire dal giorno 1 luglio 2019 i commercianti e negozianti con volume d’affare superiore a 400 mila euro sono obbligati ad emettere uno scontrino elettronico. A partire dal giorno 1 gennaio 2020 tale obbligo si estenderà a tutti i soggetti che in genere emettono scontrini e ricevute.

Per finire ricordiamo che sono esclusi dall’obbligo di emissione della fattura elettronica le associazioni sportive dilettantistiche con soglia di reddito inferiore a 65 mila euro.