Indennità Covid-19 e contributi a fondo perduto

Il “Decreto Rilancio” ha previsto che sono incumulabili il contributo a fondo perduto e l’indennità di 600
euro per professioni ordinistiche, collaboratori occasionali, venditori porta a porta, lavoratori intermittenti
e stagionali non del turismo e delle terme.

Per questo motivo, i professionisti sono in rivolta e chiedono di riconsiderare tale posizione.

Tuttavia, se in merito ai 600 euro si può pensare ad una disattenzione legislativa, appare invece
intenzionale l’esclusione delle professioni ordinistiche dal contributo a fondo perduto.